CSC

(Convenzione per Sicurezza dei Container)

L’abbreviazione CSC sta per Convenzione per la sicurezza dei container. Copre tutti gli standard internazionali dei requisiti di carico e sicurezza che un container deve rispettare.

La Convenzione internazionale per la sicurezza dei container è in vigore dal 1977 dopo l’impulso dell’Organizzazione marittima internazionale. Già nel 1972, 78 partecipanti da USA, Cina, Australia, Giappone e tutti gli stati membri dell’UE hanno concordato di adottare un sistema di sicurezza comune.

La procedura di prova generale e i requisiti di resistenza garantiscono un alto livello di sicurezza nei trasporti internazionali di container. Lo scopo è quello di salvaguardare la vita umana, e quella altrui.

Per questo motivo, su ogni container è possibile trovare una targhetta di sicurezza permanente, la cosiddetta targhetta CSC. Questa omologazione sulla sicurezza viene rilasciata dopo un controllo e fornisce informazioni sui seguenti dati:

  • Riferimento dell’approvazione
  • Data di produzione
  • No. identificativo
  • Peso lordo massimo
  • Peso permesso per la merce impilata
  • Valore del carico di prova della scaffalatura

Al fine di garantire gli standard di sicurezza su base continua, l’ente responsabile delle approvazioni ispeziona regolarmente i container. Se non rispettano i requisiti del CSC o se il proprietario non rispetta i cambiamenti richiesti, l’approvazione viene revocata. La versione attuale del CSC risale al 2012.